Finalità e funzioni

La Protezione Civile Regionale, nasce nel 1986, con l'emanazione della Legge Regionale n. 64.
Questa legge, oltre ad istituire la Direzione Regionale della Protezione Civile, la sala Operativa Regionale, quale luogo tecnico di comando, comunicazione e controllo del Servizio Regionale di Protezione Civile, riconosce la funzione del volontario come espressione di solidarietà sociale, quale forma spontanea, sia individuale che associativa, di partecipazione dei cittadini all'attività di protezione civile a tutti i livelli, assicurandone l'autonoma formazione l'impiego e lo sviluppo. Da qui nascono i Gruppi Comunali di Protezione Civile, con lo scopo di tutelare l'integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l'ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, catastrofi e da altri eventi calamitosi.
Ne consegue che i componenti dei Gruppi Comunali di Protezione Civile si occupano di previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio sul territorio del proprio comune o, se richiesto, in altri comuni; di soccorso delle popolazioni sinistrate ed ogni altra attività necessaria ed indifferibile diretta al superamento dell'emergenza. Da non sottovalutare, infine, l'attività di informazione e sensibilizzazione della popolazione a tali problematiche, nell'intento di diffondere una nuova e moderna coscienza di Protezione Civile.