Giudici popolari

In riferimento all'amministrazione della giustizia i Comuni svolgono tra l'altro la funzione di formazione degli elenchi di revisione degli Albi di Giudici popolari delle Corti di Assise e delle Corti di Assise di Appello.

Gli Albi sono permanenti e  sono soggetti ad aggiornamento biennale (ogni anno dispari).
Sono iscritti, d'ufficio o su domanda (entro il 31 luglio di ciascun anno dispari), coloro che possiedono i requisiti previsti dalla legge. L'Ufficio di Giudice popolare è obbligatorio.

Normativa di riferimento:
Legge 10 aprile 1951, n. 287 e s.m.i.

Requisiti richiesti:

  • cittadinanza italiana e godimento dei diritti civili e politici;
  • buona condotta morale;
  • età non inferiore ai 30 e non superiore ai 65 anni;
  • titolo di scuola media di primo grado, di qualsiasi tipo (per giudice popolare di Corte d'Assise);
  • titolo di scuola media di secondo grado, di qualsiasi tipo (per giudice popolare di Corte di Assise di Appello).

Non possono ottenere l'iscrizione agli Albi:

  • i magistrati e in generale, i funzionari in attività di servizio appartenenti o addetti all'ordine giudiziario;
  • gli appartenenti alle forze armate dello Stato ed a qualsiasi organo di polizia, anche se non dipende dallo Stato in attività di servizio;
  • i ministri di qualsiasi culto e i religiosi di ogni ordine e congregazione.

 

Documenti da presentare: La domanda di iscrizione deve essere redatta in carta semplice su modulo prestampato, da presentare a seguito di avviso pubblico, all'Ufficio elettorale del Comune.

Termini per la presentazione dei documenti: La domanda deve essere presentata entro il 31 luglio di ogni anno dispari, presso l'Ufficio elettorale del Comune.

Durata del procedimento:
"Gli elenchi devono essere approvati dal Presidente del Tribunale entro i termini previsti dall'art. 18 della L. 287/1951.
Il Sindaco pubblica per 10 giorni all'Albo pretorio gli estratti degli Albi dei Giudici popolari approvati dal Presidente del Tribunale.
Ogni cittadino maggiore d’età può presentare reclamo contro le omissioni, le cancellazioni e le indebite iscrizioni entro il termine di 15 giorni dalla affissione all’Albo Pretorio.
Il reclamo è presentato alla Cancelleria del Tribunale di Pordenone."

Ufficio di competenza: Area Demografici/Servizi Socio Assistenziali e Servizi alla Famiglia

Responsabile ufficio: Capra Cristina

Tel. 0434 1689805 - 1689806

E-mail: